Recensioni

Recensioni
Recensioni

Consigli di lettura

Consigli di lettura
Consigli di lettura

Blogtour

Blogtour
Blogtour

ADOTTA UN LIBRO #9 : Ovunque Sarai di Olga Watkins

Buongiorno Lettori.
Dopo una settimana di pausa, torno a proporvi una nuova adozione con un libro presente nella libreria alle mie spalle: Ovunque Sarai è una storia vera, toccante e profonda; una storia di forza e coraggio, di dolore e sofferenze, ma, soprattutto, un monito potente di come l'audacia di un essere umano possa, se spinto al suo estremo, possa raggiungere limiti e confini fino ad allora sconosciuti..

« Tutti noi siamo soli nella nostra sofferenza.
 Nessuno può comprendere del tutto il dolore di un'altra persona.. »

Prezzo : 8.90€ | Pagine : 320
Marzo 1945.
Una ragazza cammina verso gli imponenti cancelli del campo di concentramento di Dachau. Guardie armate stanno appoggiate al muro, tengono con arroganza fucili di traverso tra le spalle. Torri di avvistamento circondate da metri e metri di filo spinato si stagliano contro il blu del cielo.
La ragazza tira un respiro profondo. E' troppo tardi per tornare indietro. Non ha documenti. Non ha identità. Potrebbe essere catturata in qualunque istante e imprigionata. E non è per questo che ha fatto tutto quella strada, che sta sfidando la morte.
Solo una cosa l'ha spinta fino alle porte dell'orrore: l'amore!
L'incredibile odissea di una giovane ragazzi di venti anni nell'inferno della Shoah e nel cuore del Terzo Reich per ritrovare Julius, l'uomo che ama. Un viaggio lungo 3.330 chilometri, da Zagabria a Budapest, da Dachau a Norimberga, sfidando la polizia segreta, la delazione, gli eserciti, le frontiere, i bombardamenti.
La determinazione di Olga nell'inseguire il suo uomo per un amore che ha ben pochi ricordi concreti e non si arresta di fronte a nulla! A nessun impedimento. A nessuna beffa del destino. Nemmeno ai cancelli di Buchenwald, il campo dell'orrore..

Chi ha detto che l'amore vince tutto si sbaglia! 
Può darci una grande speranza e una felicità incantata, ma ci sono forze invincibili. 
A volte, il nemico è troppo forte.. 

Storia: 9 | Personaggi: 8 | Stile: 8 | Copertina: 8

Questo libro è ricco di frasi capaci di arrivare dritto al cuore; questa, in modo particolare, riesce a riassumere i sentimenti provati durante tutto il mio personale viaggio di lettura: malinconia e dispiacere.
Ovunque Sarai non è testimonianza di una storia d'amore strappalacrime, di baci rubati nello sfondo della seconda guerra mondiale e degli orrori nazisti. Affatto!
In questo libro troverete il coraggio, l'avventatezza, l'impulsività di una giovane donna capace di attraversa mezza Europa in guerra solo per ritrovare, abbracciare ed amare l'uomo che ha portato via con sé la metà esatta del suo cuore e della sua anima.
Un viaggio che la metterà a dura prova, dovendo superare e vincere difficoltà, paure e sofferenze. Dovendo scontrasi con la crudeltà degli uomini, con la loro diffidenza e la loro irriducibile ignoranza. Ma, come accade nella vita, incrocerà anche generosità ed altruismo fatto di amore ed amicizie che porterà dentro di sé come il più prezioso e raro tra i doni in quella che si rivelerà, giorno dopo giorno, essere una vera e propria lotta spasmodica verso la felicità!

COVER: Le copertine sono molto simili tra loro: la prima presenta un reticolato di spine come segno distintivo del campo di sterminio, mentre la seconda riporta una svastica come chiaro riferimento al dominio nazista. Ciò che effettivamente distingue le due scelte stiliste in fatto di copertina è il sottotitolo che, nella versione italiana, tende inevitabilmente a fuorviare il lettore circa il contenuto del libro che andrà ad acquistare. Leggendo, infatti, sono entrata a Dachau di mia volontà per salvare l'uomo che amavo è naturale pensare alle gesta di una donna che diventa prigioniera in un campo di concentramento al solo scopo di riabbracciare l'uomo da lei amato! Ma nulla di questo accade: Olga non entra a Dachau come prigioniera, essendo impiegata nell'amministrazione del campo, quindi non siamo dinanzi alla storia di una sopravvissuta ai campi di sterminio; anche se, ad onor del vero, questo particolare non toglie a questa testimonianza la sua forza, il suo coraggio e la sua innegabile profonda testimonianza che merita di essere letta, compresa e vissuta fino all'ultima parola. E' impossibile non rimanere ugualmente colpiti dalle accurate descrizioni che si aprono immediatamente dinanzi al lettore: poter assistere alle singole e mutevoli ambientazioni, poter provare quell'insieme sconvolgente di paure e difficoltà che Olga è riuscita a superare così giovane, incosciente ed inesperta, sola in un contesto per nulla favorevole ed indubbiamente ostile e, fino alla fine, vivere quel profondo amore, giovane ed incerto, ma così forte da condurla lontano dalle sue sicurezze verso un futuro pieno di ombre, pericoli ed avversità.

Avete letto questo romanzo? Cosa ne pensate?
Lasciatemi le vostre considerazioni nei commenti.. 
Cristina

2 commenti

Leggere in Silenzio vive attraverso i vostri commenti e condivisioni: lasciate un segno del vostro passaggio!
Se vi piace quello che avete incontrato in queste pagine, diventate Lettori Fissi.
Grazie per il vostro sostegno.

Powered by Blogger.
Back to Top