Recensioni

Recensioni
Recensioni

Consigli di lettura

Consigli di lettura
Consigli di lettura

Blogtour

Blogtour
Blogtour

ANTEPRIMA #14 : Sulla Sedia Sbagliata di Sara Rattaro

Dopo i successi letterari ottenuti con Non Volare Via e Niente è come Te, la casa editrice Garzanti  ripropone il romanzo d'esordio di Sara Rattaro in una veste completamente nuova e rivisitata rispetto all'originale.
Sulla Sedia Sbagliata è un romanzo che parla di perdono e speranza attraverso storie che esaltano il profondo ed incondizionato amore tra madre e figlio e di come, nella vita reale e spietata di ogni giorno, il senso di colpa possa percorrere le strade più diverse senza mai condurre ad una sola incontrovertibile verità..

Casa Editrice : Garzanti
Prezzo : 9.90€
Pagine : 157
Data di Pubblicazione : 28 Maggio 2015
Ci sono cose che solo una mamma può capire. E che, purtroppo, solo una mamma può sentire. Una madre rimane sempre una madre. Non smette mai di esserlo. Qualunque cosa accada. Anche quando non esiste nulla di più difficile al mondo. Lo sa bene Francesca, che ogni settimana va in carcere a trovare suo figlio accusato di un reato gravissimo: omicidio. Lei che continua a domandarsi dove abbia sbagliato. Perchè negli occhi di Andrea fatica a riconoscere il bambino che ha cresciuto. Ma il suo cuore non può fare altro che proteggerlo. E' la missione di ogni madre. Proprio quella missione che Teresa sente di aver fallito nel momento in cui sua figlia è stata strappata via troppo presto in un incidente d'auto. Lei non era lì a difenderla per non lasciarla andare. Un dolore troppo grande che l'amore materno di Teresa non riesce ad accettare, al punto da creare una realtà diversa in cui la ragazza gira ancora per la casa a portare luce con il suo sorriso. Francesca è la madre di un carnefice, Teresa la madre di una vittima. Eppure sono solo due donne che devono in qualche modo superare la sconfitta delle loro speranze, dei loro sogni di un futuro felice per i figli. La loro sofferenza assume le stesse tonalità, usa le stesse parole, piange le stesse lacrime. Perchè il confine tra l'errore e la verità si confonde. Non è mai netto. L'amore più puro può trasformarsi in un peso troppo grande da sopportare. Può fare male o far sbagliare. Ogni storia ha le sue zone di luce e le sue zone di ombra!

« Penso che se il dolore fosse quantificabile in modo oggettivo sarebbe più facile accettarlo come elemento della nostra vita.. »

PROLOGO: « So benissimo come è fatto l'inferno. Non è come lo ha descritto Dante, non ha nulla a che vedere con tutto quello che abbiamo letto a scuola. L'inferno non ha nè gironi nè anelli, e non è neanche una discesa. E' solo una sensazione che ti pervade. Le gambe diventano immobili e il sangue gelido ti si ferma nelle vene. L'inferno è quello che provi quando ti giri verso il passeggino di tuo figlio e lo vedi inspiegabilmente vuoto; è aspettare al buio seduta sul letto il suo rientro, la prima volta che guida la tua auto da solo, giurando che se torna sano e salvo la lascerai aperta con le chiavi inserite sperando che te le rubino; è aspettare nella corsia di un ospedale che l'operazione sia riuscita ed il suo cuore batta ancora. L'inferno è sentirti dire che tuo figlio è un assassino e desiderare con tutte le tue forze di sparire senza lasciare tracce di te, ma scoprire che non è possibile.. »

Sara Rattaro nasce e cresce a Genova, dove si laurea con lode in Biologia e Scienze della Comunicazione. Nel 2010 esce per un piccolo editore il suo primo romanzo Sulla Sedia Sbagliata. Nel 2011 scrive il suo secondo romanzo Un uso qualunque di te che ben presto scala le classifiche e diventa un fenomeno del passaparola. Non volare via è il primo romanzo pubblicato con la casa editrice Garzanti.

Avete letto questo romanzo o i libri della Rattaro?
Li adorate come la sottoscritta?
Fatemi sapere le vostre impressioni..
Cristina

3 commenti

  1. Non ho mai letto nulla di questa autrice ma ne parlate tutte così bene! *-* Non so, mi sembrano abbastanza pesanti i suoi libri, leggendo le trame... :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non la conoscevo nemmeno io, finchè mi hanno parlato di Un uso qualunque di te.. da quel momento mi ha conquistata ed ad ogni uscita sono già in libreria pronta per l'acquisto. Sicuramente gli argomenti che tratta non sono mai leggeri, ma riesce a farlo con una spontaneità e naturalezza che non pesa affatto nella lettura, anzi.. il libro scorre piacevolmente tra le mani!

      Elimina
  2. Questo non l'ho letto ma lo farò subito..gli altri sono super..il mio preferito è Niente è come te, bellissimo davvero!

    RispondiElimina

Leggere in Silenzio vive attraverso i vostri commenti e condivisioni: lasciate un segno del vostro passaggio!
Se vi piace quello che avete incontrato in queste pagine, diventate Lettori Fissi.
Grazie per il vostro sostegno.

Powered by Blogger.
Back to Top