mercoledì 3 agosto 2016

RECENSIONE : Ti Ho Trovato Tra Le Pagine Di Un Libro di Xavier Bosch

Buon Pomeriggio Lettori! 
In questo ultimo periodo e fino al mese di ottobre, la mia presenza in queste pagina sarà necessariamente centellinata a causa di impegni universitari indiscutibilmente pressanti, ma ovviamente non mancheranno le recensioni delle mie letture che - seppur limitate al tempo notturno - si stanno piacevolmente accumulando nella mia libreria!
Cominciando subito con Ti ho trovato tra le pagine di un libro di Xavier Bosch..

« Ci sono decenni in cui non accade nulla e settimane n cui accadono decenni.
Questa è la nostra! » 

Prezzo: 17.90€ | Pagine: 300
Quattro giorni per vivere una vita intera. 
A Paulina e Jean-Pierre non è stato concesso un solo istante in più. Ma in quei quattro giorni hanno abbattuto tutte le barriere delle loro esistenze, per aprirsi a un amore e una felicità mai conosciuti prima. E ineguagliati in seguito. Paulina Homs è una ragazza dalla vita tranquilla quando arriva a Parigi nel 1981 per il matrimonio della cugina. Jean-Pierre è già un uomo maturo, un gallerista della Rive Gauche colto e affascinante, amante della letteratura e delle librerie. A conquistarlo è la sete di avventura che avverte sotto l'aria innocente di Paulina. A incantare lei sono i mondi nuovi che Jean-Pierre sa aprirle con le sue parole e i suoi gesti. Insieme, imparano a vivere ogni istante come se fosse l'ultimo quarto d'ora prima della fine del mondo. Prima del ritorno di Paulina alla sua vita di sempre, a Barcellona, da suo marito e dalla sua bambina. La loro passione breve e bruciante resterà un segreto sconosciuto ai più. Di certo una sorpresa per Gina, la figlia di Paulina, quando trent'anni dopo, ormai adulta, viene a conoscenza di alcune lettere nascoste: senza mittente, scritte in francese e indirizzate a sua madre. Lettere che forse hanno qualcosa a che vedere con un biglietto da visita della stessa Paulina che un perfetto estraneo aveva trovato anni prima dentro un romanzo, in una libreria inglese, con un messaggio scritto a mano sul retro « Appelle-moi » Chiamami. Ora, seguendo quegli indizi, Gina cercherà di capire chi fosse davvero sua madre, di cui conserva un ricordo sfocato, avendola persa troppo presto. E in quella ricerca proverà a ritrovare se stessa. L'attende un viaggio nelle più belle librerie del mondo, dove sono disseminati i pegni misteriosi e struggenti di quell'amore e un viaggio a ritroso nel tempo, alla scoperta di quei quattro giorni unici, indimenticabili. Eterni. 
Storia: 4 | Personaggi: 4 | Stile: 4 | Copertina: 5

Ti ho trovato tra le pagine di un libro non è semplicemente un romanzo d'amore. 
Xavier Bosch grazie ad un stile intenso, diretto ed eloquente riesce a strappare letteralmente il lettore dalla sua quotidianità per trasportarlo al centro esatto di una storia di passioni, di incontri imprevisti, di paure e di desideri, riuscendo a rendere reale e tangibile una tale coinvolgente intensità capace di far vibrare il cuore e l'anima del suo impaziente destinatario. 
La storia si apre con il doloroso racconto di una bambina a cui la vita ha strappato l'amore di una madre, condannandola a rincorrere il ricordo di una donna che non ha mai realmente vissuto e che ha sempre creduto di conoscere grazie ai ricordi adulanti di un padre eccessivamente schivo e possessivo. 
Un incontro fortuito con un'affascinante sconosciuto che porta con sè dalla lontana Londra un biglietto da visita con il nome di sua madre - Paulina Homs - ed una singolare richiesta Appelle-Moi, costringe Gina a riprendere in mano il suo passato per conoscere finalmente chi era quella madre che il destino le ha strappato fin troppo presto! 

Il romanzo si divide in due grandi filoni dove - ad indossare le vesti dell'assoluto protagonista - è sicuramente quello che ci viene raccontato attraverso le emozioni, le gesta, le parole e le passioni di Paulina dove quel fortuito, indimenticabile ed infiammato incontro con Jean-Pierre. 
Siamo in Francia, Parigi per l'esattezza! Una città che racchiude nel suo stesso nome tutto il fascino incontrastato ed incontrollabile dell'amore più viscerale e profondo che ogni donna sogna di provare almeno una volta nella vita.. 

« Si abbracciavano, si stringevano, si aggrappavano ai volti con le mani, alternandosi, inquieti. 
Aprivano gli occhi e si sorridevano, compiaciuti dall'impensato e ricominciavano a giocare con le labbra e la lingua, come se fosse il loro primo bacio da adolescenti, come se non esistesse il mondo intorno! »

Quello che Xavier Bosch racconta tra le pagine di un romanzo che si lascia essenzialmente divorare è una storia d'amore che non ha bisogno di eccessive spiegazioni; una storia d'amore che si vive di cuore e di pancia, senza se e senza ma, guidati da un sentimento capace di travolgere ogni senso morale o ogni più piccolo timore tanto è folle e radicata la necessita di viversi, totalmente e completamente, senza riserva, anche se per pochissimi giorni. Un amore che si evolve improvvisamente e con una forza tale da far rimanere quasi senza fiato; lo stile adottato dallo scrittore e le parole utilizzate e ricercato con arguzia e precisione riescono a trasportare il lettore tra i vicoli parigini, assaporando i profumi e cogliendone ogni più piccola ed affascinante sfacettatura. Ma se mi limitassi a descrivere Ti ho trovato tra le pagine di un libro come un bel romanzo d'amore sarebbe quantomeno riduttivo e fuorviante da parte mia; sicuramente l'amore è l'asse portante ed il punto focale su cui l'autore continua a porre il suo ritmico accento, pagina dopo pagina, andando però oltre l'amore carnale tra uomo e donna, la passione fisica e le emozioni che inevitabilmente si scatenano nella mente di ogni lettore.. quello che scoprirete in queste pagine è l'amore nella sua espressione più completa e totalizzante: l'amore per i libri, ad esempio. 

« Cercatemi qui , se credete che sia a Parigi, o in una qualsiasi delle meravigliose librerie che ci sono al mondo.. Una libreria è la patria della libertà, il rifugio delle parole, il vero museo del pensiero! »

Quel profondo amore che lega i due giovani amanti e unico strumento di legame rimasta tra Paulina e Jean-Pierre una volta tornati alle loro rispettive vite e alle loro immutate responsabilità; divisi da un destino crudele ed appassionato come quello che li aveva fatti incontrare ed innamorare perdutamente come due giovani adolescenti incuranti del mondo che continuava a girare vorticosamente attorno a loro. Ed è proprio grazie allo stratagemma ideato da Paulina e ai suoi numerosi viaggi solitari nelle più belle città del mondo - tra gli scaffali di quelle affascinanti librerie come Aqua Alta a Venezia, Lello & Irmao a Porto o Brattle Bookshop a Boston - che Gina riesce a ricostruire, pezzo dopo pezzo, il frammentato ritratto di una madre che credeva di conoscere, ma che solo ora riusciva a vedere chiaramente, senza intermediari, grazie a lettere rimaste inascoltato e a ricordi di un amore che non poteva essere facilmente dimenticato. Pur non essendo riuscita ad entrare in piena sintonia con Gina, sono riuscita a lasciarmi totalmente trasportare da quel fiume in piena che era Paulina: una donna forte e intraprendente, bella ed affascinante, coraggiosa e libera. Un coraggio che si rivela al lettore solo nella parte finale del romanzo e che lascia, almeno in parte, un sapore amaro in bocca, ingisto e difficile da digerire. 

In conclusione, pur avendo percepito premesse diverse leggendo la sinossi del romanzo, non posso assolutamente dire di sentirmi delusa da quello che ho trovato tra le pagine di un libro che ti trasporta con forza ed inaudita passione al centro esatto di un vortice di emozioni e sentimenti capaci di coinvolgere corpo, mente, cuore e spirito, lasciandoti alla deriva, quasi inerte, senza respiro! 
Quando vi troverete a seguire, almeno in parte, i viaggi di Paulina tra le librerie più belle del mondo, fermatevi un attimo, aprite il vostro computer e cercate l'immagine esatta e reale di quegli scaffali, poi, tornate alla lettura e, credetemi, vi sembrerà quasi di essere lì, a Inverness o a Boston o nella fredda Londra, a scorrere le vostre dita sopra le più originali copertine, alla ricerca del vostro libro e della prossima storia da vivere ad occhi aperti tra le sue pagine.. 

Cosa ne pensate, Lettori? Avete letto questo romanzo?
Lasciatemi le vostre impressioni nei commenti.. 
Ringrazio la casa editrice Sperling&Kupfer per la copia cartacea in omaggio!
Cristina

3 commenti:

  1. Non mi ha fatto impazzire, ma è comunque molto molto carino.
    Lui, gran personaggio. :)

    RispondiElimina
  2. L'ho visto, ma nonostante tutto la trama non mi ha attratta a sufficienza... comunque complimenti per la recensione!

    RispondiElimina
  3. Le tue recensioni sono sempre belle e accurate quindi davvero tanti complimenti. Si vede che la lettura ti piace e questa è una cosa che ci accomuna.
    Putroppo a me questo libro non è piaciuto, ma è bello leggere cosa è piaciuto a te

    RispondiElimina

Leggere in Silenzio vive attraverso i vostri commenti e condivisioni: lasciate un segno del vostro passaggio!
Se vi piace quello che avete incontrato in queste pagine, diventate Lettori Fissi.
Grazie per il vostro sostegno.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...