Recensioni

Recensioni
Recensioni

Consigli di lettura

Consigli di lettura
Consigli di lettura

Blogtour

Blogtour
Blogtour

[ BLOGTOUR ] Non Ditelo Allo Scrittore di Alice Basso | Garzanti Quinta Tappa: Ghostwriter



Buona Domenica Lettori! 
Vi scrivo direttamente dal giardino in piena modalità da relax primaverile per condividere con voi la quinta tappa del BT dedicato al nuovo romanzo di Alice Basso, Non ditelo allo scrittore, edito Garzanti.
Questa volta la nostra Vani è chiamata ad una complicata missione... riuscirà a portarla a termine?
Per scoprirlo dovrete attendere il 18 Maggio, ma, nel frattempo, entriamo nel cuore del romanzo per indagare su un fondamentale quesito che attende paziente la sua risposta: Chi sono i ghostwriters?

NON DITELO ALLO SCRITTORE di Alice Basso
Prezzo: 16.90€ | Pagine: 340
Link di Acquisto

Questa volta, il compito affidato a Vani dal direttore della sua casa editrice è una vera e propria sfida: deve scovare un suo simile, un altro ghostwriter che si cela dietro uno dei più importanti romanzi della letteratura italiana. Solo lei può farlo uscire dall'ombra. Ma per renderlo un comunicatore perfetto, lei che ama solo la compagnia dei suoi libri e veste sempre di nero, ha bisogno del fascino ammaliatore di Riccardo. Lo scrittore che le ha spezzato il cuore, ora è pronto a tutto per riconquistarla. Intanto il commissario Berganza è sicuro che Vani sia l'unica a poter scoprire come un boss agli arresti domiciliari riesca comunque a guidare i suoi traffici. Ma non è l'unico motivo per cui desidera averla vicino. E quando la vita del commissario è in pericolo, Vani rischia tutto per salvarlo...


GHOSTWRITER: CHI SONO?

Il mestiere di ogni ghostwriter appartiene ad una particolare categoria professionale che si esprime nella totale invisibilità. Scrittori e scrittrici che hanno dato letteralmente parole a sportivi e personaggi dello showbiz, cantanti e attori, cuochi e politici realizzando un genere editoriale nuovo e di curioso successo come quello, appunto, dell'autobiografia altrui o per meglio dire della biografia in prima persona.

In Italia, ogni casa editrice si avvale di misteriosi ghostwriter non solo perchè garantiscono lavoro in proprio e libri di buona qualità, ma anche - e mi verrebbe da dire soprattutto - perchè si occupano nella più totale solitudine del rapporto con l'autore che, mi viene da pensare, non deve essere propriamente una passeggiata! :)

Un famoso esempio di scrittore che lavorò come ghostwriter è Howard Philips Lovecraft - riconosciuto come uno dei maggiori autori di letteratura horror e considerato da molti precursore della fantascienza angloamericana - ma chi è il ghostwriter più pagato al mondo?

In pochi anni ho venduto 5 milioni di copie. E così si sono fatti avanti editori e agenti. Al cliente chiedo 130 mila euro per ogni lavoro. Ma ho raggiunto anche il record di 780 mila..

Parola di Andrew Crofts - scrittore inglese di 61 anni con all'attivo 10 milioni di copie vendute in tutto il mondo. 
Anche se nessuno lo sa perchè Crofts è, appunto, il re dei ghostwriters con decine di libri in cima alle classifiche inglesi. Ma, come da lo stesso dichiarato in un'intervista rilasciata a La Repubblica, Crofts non sente affatto il peso dell'anonimato, anzi. A suo dire, non esistono contro alla carriera di ghostwriter, tutto dipende dalle aspettative di partenza perchè lui sa di essere un ghostwriter ed è felice di esserlo sotto ogni punto di vista!

Quindi, i ghostwriter possono essere trovati, alla fine.. cosa ne penserà la nostra Vani?
Riuscirà a portare a termine la sua missione?
Per scoprirlo, Lettori, l'appuntamento è in libreria il prossimo 18 Maggio con il nuovissimo ed imperdibile romanzo di Alice Basso, Non ditelo allo scrittore.
Ma non è finita qui perchè...

Regole di Partecipazione:

Coloro che parteciperanno attivamente, commentando tutti i post del Blogtour, avranno la possibilità di aggiudicarsi una delle tre copie del nuovo romanzo di Alice Basso, Non ditelo allo scrittore.
Riterremo valida la partecipazione solo di coloro che avranno seguito tutte le regole specificate sopra e che avranno commentato TUTTE le tappe del Tour entro le ore 12 di sabato 20 maggio.
Nel pomeriggio del 20 maggio procederemo con l'estrazione dei vincitori tramite il sito Random.org.
I vincitori saranno contattati da noi via mail per concordare la spedizione e annunciati con un post sulle pagine Facebook dei blog organizzatori - quindi domenica 20 occhio a Facebook!

24 commenti

  1. Ciao, molto interessante questo post! Il mestiere di ghostwriter è molto particolare, la sua attività "nascosta" non può fare a meno di affascinare! Buona domenica :-)
    P.s. Mi sono iscritta ai vostri blog con il nick "Ariel scrittrice", su fb invece il like risulta come "Francesca Ariel Ghilardi", ma sono sempre io ;-)

    RispondiElimina
  2. non so se sarei capace di svolgere questa attività per il semplice fatto che sia "nascosta" ma devo dire che mi incuriosisce parecchio
    partecipo con il mio nome
    dilorenzomarianna07@gmail.com

    RispondiElimina
  3. Vani è una ghostwriter molto particolare, non solo ha dalla sua una spiccata intelligenza e una notevole cultura, lei ha un vero e proprio dono, è in grado di radiografare una situazione, un oggetto e sì anche una persona con pochi indizi e un pizzico di intuito e immaginazione. Ma i ghostwriters come sono davvero? Come vivono il loro anonimato? Sono davvero (e fino a che punto) "invisibili" nel loro lavoro in una casa editrice? Con questa tappa, Cristina, ci hai permesso sicuramente di vedere qualcosa in più su questa figura, che inevitabilmente con sé porta sempre un po' di mistero.

    rosasusi93@gmail.com
    iscritta al blog come "Rosa, leggo e scrivo", su FB invece seguo come Rosa Susi

    RispondiElimina
  4. Che mestiere affascinante ♡.♡
    Trovo che essere un ghostwriter non sia per niente facile, accettare l'anonimato credo dipenda dal carattere di una persona.
    Magari una persona più chiusa e introversa lo accetta con più facilità di una persona esuberante.
    Infatti mi chiedo come faccia Vani, lei sembra parecchio solare ed estroversa!

    Partecipo al blogtour e al Giveaway ;-)
    Lettori fissi: Rosy Palazzo
    Mail: rosy.palazzo1612@gmail.com
    Facebook: Rosy Palazzo

    https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=886990664785999&id=100004252210765

    Grazie mille per l'opportunità ♡

    RispondiElimina
  5. Non trovo giusto che questi poveri ghostwriter non ricevano il dovuto merito. Spesso fanno tutto il lavoro e altri approfittino di ciò!

    RispondiElimina
  6. Prima di leggere i libri di Alice e di conoscere Vani non sapevo neanche dell'esistenza di questo mestiere lo ammetto! Ciao da Sabrina

    RispondiElimina
  7. Concordo con quanto detto da Dolci anche per me meritano molto più successo anche perché in molti casi il loro lavoro è migliore di quello di autori che si firmano con il loro nome.

    RispondiElimina
  8. Faccio il tifo per Vani. Speriamo lo trovi. Certo non deve essere facile il lavoro di ghostwriter. Specialmente se hanno a che fare con star capricciose.

    RispondiElimina
  9. Mi stavo giusto giusto chiedendo se esistano davvero i ghostwriter e soprattutto perché esserlo! Come mai non essere uno scrittore vero e proprio se la parte più difficile è proprio scrivere bene!
    Aspetto con ansia di trovare delle risposte!!!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  10. Fossi in grado di scrivere bene come Vani, perchè no? Alla fine posso pretendere cifre più alte per mantenere il buon nome di altri. Non è una questione puramente economica ma di opportunità.

    Io non sono brava a scrivere, non come vorrei in ogni caso ma avvalersi di chi sa farlo significa dover pagare un talento di cui io manco e onestamente mi andrebbe bene farlo!

    TI seguo come Niente di Personale, la mia mail è nientedipersonale17@gmail.com

    RispondiElimina
  11. per alcuni versi il ghostwriter è un bel mestiere, interessante, anche se secondo me snervante. non dev'essere bello scrivere un libro al posto di un autore famoso e poi vedere che vende milioni di copie e nessuno sa che l'hai scritto tu. vedo tanti autori americani noti che pubblicano anche 4 libri all'anno. Loro, di certo, hanno il ghostwriter, senza ombra di dubbio! Di certo Vani è la ghostwriter più simpatica e ironica che ci sia!
    Luigi Dinardo
    luigi8421@yahoo.it

    RispondiElimina
  12. Impiego che ho sempre trovato un po' triste; a mio parere è un po' brutto che i meriti vadano alla persona il cui nome campeggia sulla copertina invece che a chi ha scritto davvero quella determinata storia.
    Link di condivisione dell'evento su Facebook:
    https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=461567754185230&id=100009960271401&ref=
    Lettrice fissa dei blog come Alexandra Scarlatto e messo like alle pagine Facebook sempre come Alexandra Scarlatto; se i like non si vedono, so che può capitare, vi faccio vedere gli screenshot.
    Indirizzo e-mail: hotstorm403@gmail.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oltre all'evento, condivido con l'hashtag anche le varie tappe.
      Ecco il link di condivisione di questa:
      https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=461614824180523&id=100009960271401

      Elimina
  13. Mi ha sempre incuriosita la figura del gosthwriter. Ed è stato interessante leggere questo post!

    La mia email: Giulia_c2001@yahoo.it

    RispondiElimina
  14. A me non piacerebbe come mestiere..come hanno scritto altre non mi sembra giusto che si prenda i meriti la persona il cui nome è sulla copertina di un libro anche se non è l'autore.. La mia email è: Jess_serra@libero.it 🐞🍀

    RispondiElimina
  15. Il gosthwriter è un mestiere che non farei mai... ma mi affascina pensare che dietro a delle storie ci sia qualcuno che lavora nell'ombra :)

    RispondiElimina
  16. Penso che la figura del ghostwriter possa essere ricoperta proprio da persone con un carattere particolare...esattamente come Vani! Probabilmente persone che non sono alla ricerca del successo, con un'intelligenza tale da gioire nel vedere che il proprio mestiere lo svolgono bene per i risultati ottenuti, senza bisogno di tanti riconoscimenti.
    Non vedo l'ora di leggere il nuovo romanzo!!!

    RispondiElimina
  17. Quindi in pratica il gosthwriter scrive il libro al posto del presunto autore famoso che si prende tutto il merito?? A me sembra sinceramente una bella presa in giro! Naturalmente ci sarà chi lo fa perché gli piace il mestiere ma io non riuscirei mai,mi sembrerebbe di prendere in giro i lettori.
    lauradomy@hotmail.it

    RispondiElimina
  18. Un lavoro molto interessante ed affascinante... ma fino ad un certo punto, io per esempio non credo che riuscirei a scrivere un libro per qualcun'altro per poi vedere tutto il suo successo... non sarebbe corretto per me stessa!!
    Vani evidentemente è felice cosi che dire...
    Sempre più convinta di leggere questo gioiellino ♡

    Partecipo con immenso piacere al BlogTour e al Giveaway ♡
    Di seguito vi elenco tutte le regole che ho rispettato!!
    Seguo tutti i blog partecipanti al BlogTour con il nome: Elysa Pellino
    Seguo tutte le pagine Facebook dei blog partecipanti al BlogTour sempre con lo stesso nome: Elysa Pellino
    La mia email: mora_1993_@hotmail.it
    ( Ho commentato e condiviso le tappe precedenti )
    Ho condiviso l'evento su Facebook con l'hashtag #NonDiteloAlloScrittore e taggando alcune amiche :)
    LINK CONDIVISIONE: https://www.facebook.com/elysa.pellino/posts/10209996114193202?pnref=story
    Ho condiviso questa tappa su Facebook con l'hashtag #NonDiteloAlloScrittore e taggando la pagina del blog " Leggere in Silenzio "
    LINK CONDIVISIONE: https://www.facebook.com/elysa.pellino/posts/10210027210370587?pnref=story
    Grazie per la partecipazione!!
    Buona Fortuna a Tutti ♡

    RispondiElimina
  19. Interessante post. Ma le case editrici ammettono dunque di usare ghostwriters? Non dico svelare a quali libri lavorano, ma lo ammettono? E' una pratica accettata? A me sembra sempre un po' una presa in giro per il lettore. Capisco che l'autore famoso magari ha avuto l'idea, sviluppato un mondo, un'ambientazione, dei personaggi, ma se non riesce a scrivere un ulteriore romanzo, perché non associare il suo nome a quello di un altro?
    Comunque se non erro è una pratica molto vecchia, quella di ricorre ai ghostwriters, perché ho letto che lo faceva pure Dumas.

    RispondiElimina
  20. Post molto molto interessante. Senza dubbio la figura del ghostwriter, all'interno dell'ambiente editoriale, è molto utilizzata. Non capisco la scelta di voler nascondere un autore a tutti i costi, ma suppongo che sia il mercato a comandare. Bah...

    RispondiElimina
  21. Non mi piace molto la figura del ghostwriter ma ammetto che Vani è un personaggio davvero affascinante e interessante!
    GFC/FB: Chicca Tamburrino
    e-mail: pleadi@inwind.it
    https://www.facebook.com/chicca.tamburrino/posts/1264895920296253?pnref=story

    RispondiElimina
  22. La figura del ghostwriter è affascinante..Incentrare dei romanzi su questo mestiere è alquanto curioso. E anche il terzo libro della serie si annuncia interessantissimo!

    RispondiElimina
  23. Be', il 26 maggio presenteremo il libro a Suzzara... siamo tutti molto curiosi...

    RispondiElimina

Leggere in Silenzio vive attraverso i vostri commenti e condivisioni: lasciate un segno del vostro passaggio!
Se vi piace quello che avete incontrato in queste pagine, diventate Lettori Fissi.
Grazie per il vostro sostegno.

Powered by Blogger.
Back to Top